Si annuncia una notte di tensione davanti ai cancelli della raffineria, presidiati da circa un'ora da una cinquantina di lavoratori della Turco Costruzioni.

Le tute blu hanno incrociato le braccia davanti ai tornelli della fabbrica, facendo muro e impedendo il cambio turno delle 22. Sul posto le pattuglie del commissariato, per evitare che la vicenda degeneri in scontri.

Spacciatore anche se non ancora maggiorenne. Lo hanno scoperto i carabinieri del Comando Stazione di Vallelunga Pratameno, venerdì scorso. Il ragazzo andava in giro per il centro storico, a piedi.

Con sé aveva 44 dosi di sostanza stupefacente, del tipo hashish, e due bilancini di precisione.

Coinvolto un una rissa è finito in ospedale per una forte contusione alla schiena subita nella colluttazione.

«Pronto soccorso di Mazzarino al collasso». Lo evidenzia in una nota  a firma del responsabile provinciale del Nursind Giuseppe Provinzano. Per il sindacato il «personale risulta carente ed è impossibile coprire i turni.

Gela come il lunapark dell'orrido nella notte dell'antivigilia di Capodanno. 

Un sabato notte movimentato con inseguimenti e pestaggi che hanno costretto agli straordinari le pattuglie di Polizia e Carabinieri, impegnate sul posto anche con unità d'appoggio (cinofili e Nucleo prevenzione crimine).

Sta per iniziare, a palazzo di Città, la seduta di consiglio comunale che prevede come unico punto all'ordine del giorno la mozione di sfiducia.

L'appello dovrebbe essere chiamato alle 10.30. 

Due auto sono state danneggiate da un incendio di sospetta natura dolosa divampato nel cuore della notte a nel quartiere delle case popolari di Marchitello. 

Sono in corso di accertamento le cause di un incendio che ieri sera, intorno alle 21, ha distrutto un'abitazione rurale in contrada Vituso, a pochi chilometri da Niscemi.

Rissa al mercato settimanale ieri mattina tra soggetti che orbitano nel commercio itinerante.

Terranova di Pollino, Regno delle Due Sicilie, Novembre, Anno Domini 2017. Tre è il numero perfetto, recita un vecchio adagio popolare. Sì, perché il calendario annovererà tre avvenimenti da ricordare il 6 novembre. L'elezione del nuovo Governatore, infatti, coincide con il terzo anniversario della strage sociale ed economica di Gela. Correva il 6 novembre 2014 quando da Roma veniva somministrato il protocollo nefasto.