Print this page

Riesi: famiglia realizza lapidi per migranti deceduti nel naufragio del 2015, cerimonia al cimitero e targa dell'Amministrazione Comunale

Giovedì, 22 Agosto 2019 17:22 Written by  Published in People
Rate this item
(1 Vote)

Chi ha vissuto lo stesso dolore, quello del distacco dalla propria terra natia forse può veramente capire… e forse è vero che non si è mai soli quando qualcuno ti pensa.. e ricorda…

E di sei migranti, naufraghi, che hanno perso in mare ogni speranza di un futuro migliore si sono ricordati cittadini riesini esemplari, emigrati in Germania, che hanno donato a fratelli più sfortunati, una degna sepoltura. Cittadini esemplari, che sanno di non ricevere nulla in cambio, e dei quali una comunità, una provincia intera, vanno fieri. La lontananza dalla propria terra, il distacco, le difficoltà, essere figli di una terra che non ha saputo darti un lavoro, un futuro migliore, e trovarti in una Patria che ti ha offerto il meglio ti fa pensare a quanto la vita è stata generosa con te e meno con altri. Forse nasce proprio da questo pensiero il gesto verso chi è più sfortunato… di te… Sei giovani migranti, morti nel naufragio di un’imbarcazione, il 18 aprile del 2015, al largo delle coste della Sicilia, e tumulati nel cimitero di Riesi, hanno trovato degna sepoltura, grazie alla generosità dei fratelli e delle sorelle Di Prima. Giovanni, Salvatore, Pietro, Angela e Giuseppa Di Prima (quattro emigrati da anni in Germania e una residente a Butera) quando la loro anziana madre muore, accorgendosi di quei loculi spogli e anonimi, contrassegnati solo da codici identificativi, decidono di dare anche a questi fratelli più sfortunati una decorosa sepoltura.

Ieri la cerimonia commemorativa alla presenza di don Lorenzo Anastasi, del vice sindaco Rosy Pilato, dell’assessore Franco La Cagnina e dei signori Giovanni Di Prima e Filippa Bordonaro che hanno seguito i lavori realizzati dalla ditta Idealmarmo Italia di Riesi che ha contribuito alla generosa iniziativa. Un momento di preghiera e dedicato al ricordo dei sei migranti morti.

Alla famiglia Di Prima l’Amministrazione comunale ha donato una targa di ringraziamento per il gesto di grande umanità e solidarietà. Un atto di altruismo quello della famiglia Di Prima verso i 6 sfortunati migranti che non sono riusciti a raggiungere la Sicilia e hanno perso tragicamente la vita in mare. Un atto di amore nei confronti di fratelli stranieri da parte di chi ha vissuto in prima persona l’emigrazione, la lontananza e quel forte attaccamento alla propria terra natale. Cittadini che inorgogliscono e rendono fiera la comunità riesina.

Last modified on Venerdì, 23 Agosto 2019 10:59
Redazione

Today 24 è un quotidiano on line indipendente, fondato nel 2014 da Massimo Sarcuno. Ogni giorno racconta i fatti e le notizie di Gela, Niscemi, Riesi, Butera, Mazzarino e di molti altri comuni del comprensorio. In particolare l’area del Vallone.