Niscemi: rumors sul rimpasto in giunta, circolano i nomi di Stefanini e Sorrentino. Conti non si sbilancia: «No comment, saprete a tempo debito» Featured

Giovedì, 04 Ottobre 2018 08:02 Written by  Published in Politica

Lo incrociamo per caso in una grigia mattina di ottobre. Pantalone chiaro, solito taglio di capelli sbarazzino, come la giacca blu informale. Lo smartphone incollato all'orecchio. Sgomberiamo il campo dal dubbio: nessuna intervista, solo un saluto quello che ci concede il sindaco, Massimiliano Conti.

«Come va, sindaco?» «Non c'è male, grazie».

Per un attimo si eclissa, ammicca sul display. Lo guarda per un lungo secondo, come fosse un rebus al quale manca l'incastro giusto.

La parola nascosta è di 9 lettere e comincia per "A": assessore.

In giunta da qualche giorno c'è un seggio vacante. E Conti deve mettere a posto tutte le tessere del mosaico prima di fare la mossa e uscire allo scoperto.

Dopo le dimissioni di Gaetano Zarba, chiamatosi fuori dall'esecutivo a fine marzo, c'erano voluti due mesi prima che venisse ufficializzata la nomina di Gesué Allia, attuale titolare dello Sviluppo economico.

Oggi il travaglio potrebbe essere altrettanto lungo. L'impressione è che varie forze stiano provando a tirare il sindaco per le maniche della giacca. Ma lui rimane calmo. Studia la mossa e riflette.

Proviamo a sondare il campo, ma il suo sorriso somiglia tanto a una cortina invalicabile.

«Saprete - dice Conti - a tempo debito, al momento non ho novità». Sindaco, la prego, dica qualcosa...

«Posso solo dire che sono in contatto continuo con le forze politiche che mi hanno sostenuto e con i consiglieri comunali. La vera grande novità riguarda il Museo, che verrà inaugurato domenica. Per la comunità di Niscemi sarà un grande giorno».

Ci congeda con una stretta di mano e torna al suo smartphone. A quel display che ipnotizza e dal quale potrebbe arrivare un lampo, un pensiero. La mossa.

Dopo il cordiale saluto, comunque, comprendiamo che Conti non andrà oltre. Nessuna indiscrezione, almeno delle fonti ufficiali.

Così, non possiamo far altro che aggrapparci ai rumors che circolano in questi giorni tra i corridoi del palazzo comunale e nelle stanze dei gruppi politici, secondo i quali vari esponenti delle liste del sindaco, «Adesso» e «Se la ami la cambi», aspirano, anelano.

Al momento la casella vuota è solo una, quella lasciata libera dal dimissionario Alessandro Mongelli, che ha lasciato libera la delega alla Cultura.

Per sostituirlo si vocifera di una lady, la dottoressa Viviana Flavia Stefanini, campionessa di voti alle ultime amministrative. Si fa anche il nome di Ignazio Sorrentino, ispettore superiore di Pubblica Sicurezza a riposo, attuale presidente dell'associazione nazionale Polizia di Stato.

Ma sono soltanto voci, niente più.

Del resto, scorrendo le liste dei consiglieri in carica o dei "primi tra i non eletti", si fa presto a scorgere altri nomi e altre ambizioni.

Che potrebbero trovare spazio qualora il sindaco decidesse di "allargare" il rimpasto. Non è da escludere, infatti, che altri assessori "tecnici" potrebbero lasciare l'esecutivo - se non ora, nei prossimi mesi - per far posto a soggetti più marcatamente "politici".

E nel novero dei papabili potrebbero trovare spazio anche esponenti di liste "nemiche" al primo turno ma che poi, al ballottaggio, hanno fatto pendere l'ago della bilancia più verso Conti rispetto a La Rosa.

Il loro peso potrebbe essere stato determinante? Vantano credito o gratitudine? Sono anche loro nelle grazie del sindaco?

«Saprete a tempo debito» l'unica risposta di Conti.

Last modified on Giovedì, 04 Ottobre 2018 09:31
Redazione

Today 24 è un quotidiano on line indipendente, fondato nel 2014 da Massimo Sarcuno. Ogni giorno racconta i fatti e le notizie di Gela, Niscemi, Riesi, Butera, Mazzarino e di molti altri comuni del comprensorio. In particolare l’area del Vallone.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.