Pd: «Primarie annullate a Gela», da Roma arriva la conferma. Attribuito seggio «riparatore», andrà Scepi. Esposto di Sicilia Futura e lista Emiliano Featured

Giovedì, 04 Maggio 2017 09:38 Written by  Published in Politica

«Primarie annullate a Gela», arriva la conferma dalla Commissione nazionale del Partito democratico.

Dai piani alti della direzione nazionale cala la pietra tombale sulle elezioni svoltesi domenica a Gela, caratterizzate dal mezzo tafferuglio scoppiato per la presenza del presunto “seggio occulto” istituito a urne aperte nella sede del Primo circolo Pd, in un appartamento che si affaccia sulla stessa piazza che ospitava il gazebo del Pd destinato al voto.

In realtà la commissione – stante ai primi “si dice” - non avrebbe riscontrato nulla di illecito. Riconosciuta quindi la trasparenza del voto. Onde evitare grane avrebbe però confermato l'annullamento del voto gelese. Troppo macchinosa sarebbe stata la procedura di “riabilitazione” di quei voti espressi (circa 2600 votanti): verbali da rifare, riconta di seggi, rischi legati alla validazione. Troppo complicato.

Il Pd avrebbe deciso semplicemente di porre riparo in maniera alquanto salomonica: garantendo un ulteriore seggio in assemblea nazionale. Seggio che verrà offerto al segretario cittadino Dem, Peppe Di Cristina, il quale, a sua volta, declinerà e lo offrirà a Stefano Scepi, segretario cittadino dei Giovani Democratici. Scepi era stato indicato capolista dalla segreteria provinciale. Poi il suo nome, in sede di validazione delle liste, a Roma, era stato sostituito con quello di Daniela Cardinale, deputato al Parlamento.

Era stata una decisione contestata, che tante polemiche aveva suscitato.

Adesso verrebbe posto riparo a questo episodio garantendo a Scepi di sedere nel parlamentino nazionale del Pd con una sorta di ammissione d'ufficio.

Intanto esponenti di Sicilia Futura (lista Renzi) e sostenitori della Mozione Emiliano hanno trasmesso un esposto alla Commissione Nazionale per il Congresso allegando la "denuncia" inviata domenica mattina alla Procura.

Toni pesanti quelli utilizzati dai proponenti, una trentina i firmatari.  

«Siamo profondamente indignati - scrivono - per il vile attentato perpetrato contro la libertà sull'esercizio democratico principio fondamentale delle primarie del Pd. Non vi era più la serenità, nonché la garanzia dei principi democratici. Per questo abbiamo abbandonato il seggio non partecipando più al voto, ormai inquinato».

Last modified on Giovedì, 04 Maggio 2017 11:01
Redazione

Today 24 è un quotidiano on line indipendente. Ogni giorno racconta i fatti e le notizie di Gela e dei comuni del comprensorio. In particolare Niscemi, Riesi, Butera e l’area del Vallone.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.