Gela: «Basta promesse, vogliamo i fatti», sit in dei pescatori al porto rifugio. Sollecitano l'intervento del Prefetto e di Crocetta Featured

Giovedì, 27 Aprile 2017 07:57 Written by  Published in Politica

Un sit - in spontaneo dei pescatori è in atto da stamane in segno di protesta e per sensibilizzare le istituzioni sulle condizioni di inagibilità del porto rifugio.

Una ventina di rappresentanti della marineria locale presidiano l'ingresso dello scalo turistico facendo opera di sensibilizzazione nei confronti di chi si trova in transito.

Il pescaggio all'imboccatura e in vari punti della rada è di pochi centimetri, le imbarcazioni hanno difficoltà di transito e navigazione poiché rischiano di incagliarsi. Il che rende difficile, se non impossibile, l'attracco di mezzi.

«Chiediamo - dicono i manifestanti - un incontro urgente con il Prefetto e il Presidente della Regione. Basta promesse vogliamo i fatti».

Una rete da pesca è stata stirata da un estremo all'altro della strada di accesso al porto (nella foto), una sorta di barriera trasparente per evitare il transito dei mezzi.

 

Last modified on Giovedì, 27 Aprile 2017 08:51
Redazione

Today 24 è un quotidiano on line indipendente. Ogni giorno racconta i fatti e le notizie di Gela e dei comuni del comprensorio. In particolare Niscemi, Riesi, Butera e l’area del Vallone.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.