Gela: Spata apre al M5S e fa propri tre punti del programma di Morgana. I grillini: «Diamo atto». Bye-bye Melfa, Scimé e altri virano su Greco Featured

Venerdì, 10 Maggio 2019 10:40 Written by  Published in Politica

Non sarà il contratto di governo che li vede “uniti” a livello nazionale, ma l’apertura che il candidato sindaco Giuseppe Spata ha lanciato al M5S rappresenta sicuramente una mano tesa alla collaborazione con i grillini a sole 48 ore dal ballottaggio. 

Non sarebbe certo una collaborazione inedita quella tra leghisti e pentastellati, anche se il matrimonio a Roma sembra vacillare sempre di più, e così Spata e i suoi provano ad ampliare il consenso guardando verso la sponda in teoria a loro più congeniale, la stessa che però all’indomani del voto aveva dato ai suoi sostenitori libertà di scelta per il ballottaggio. Il candidato del centrodestra lo fa, sposando in pieno tre dei punti programmatici di spessore del Movimento: la Mobilità sostenibile, i Beni Comuni e il sostegno alle fasce più deboli e lo fa – scrive Spata in una nota: “Nell’interesse primario dell’intera città di Gela”. Secondo il leghista è fondamentale investire sulla Mobilità sostenibile, cavallo di battaglia del candidato sindaco grillino Simone Morgana, perchè: “Numerose ricerche hanno dimostrato che un maggiore impiego di risorse pubbliche per migliorare il sistema dei trasporti, puntando sui servizi pubblici, condivisi e più ecosostenibili, è in grado, oltre che di rendere più sicure e vivibili le nostre città, anche di supportare e far crescere l’occupazione e il complessivo sistema economico locale. “L’impatto ambientale - continua il candidato della coalizione di centrodestra - può essere abbattuto ripensando il modo di intendere gli spostamenti, il proprio rapporto con l’auto, il rapporto tra la strada ed il tessuto urbano”. Sui Beni comuni Spata rilancia quanto già detto nel confronto alla Casa del Volontariato, durante il quale i quattro candidati hanno firmato una carta di intenti per la tutela ed il rilancio dei Beni Comuni cittadini, dalla regolamentazione delle assegnazioni alla valorizzazione delle attività di associazionismo. Terzo punto di questo possibile mini – contratto, che contratto non è, è invece dedicato ai Servizi Sociali, in particolare al progetto del “dopo di noi” inteso a occuparsi fattivamente di quanti, in condizioni di disabilità, non saranno in grado di provvedere a sé stessi dopo la scomparsa dei genitori. Tre punti ed una mano tesa verso i grillini per far pendere l’ago della bilancia dell’elettorato del Movimento, che ad oggi non ha ufficialmente scelto dove e se schierarsi per il ballottaggio, dalla parte della coalizione di centrodestra. “Apprezziamo il fatto che Spata abbia scelto di fare propri tre punti del nostro programma – ci dice l’ormai ex candidato sindaco a cinque stelle Simone Morgana – ma ribadiamo la nostra volontà di restare neutrali per questo ballottaggio. Ci auguriamo solo che i cittadini vadano a votare e scelgano il candidato che, a loro parere, possa fare meglio per questa città”.

«Spata ha scelto tre punti importantissimi del nostro programma e gliene diamo atto - aggiunge Virginia Farruggia, consigliere eletta del M5s – ma questo non può in nessun modo rappresentare per noi un impegno elettorale. All’indomani del voto però saremo felicissimi di supportare in aula tutti quegli atti utili a dare concretezza a questi tre importanti temi, a prescindere dall'amministrazione che verrà eletta».

Movimenti anche sul fronte opposto. Altri candidati e sostenitori del progetto Maurizio Melfa Sindaco hanno deciso di non seguire l'imprenditore nella scelta di appoggiare Spata. 

«Dopo una serie di consultazione - scrive Antonio Scimè, portavoce del gruppo - avvenute in questi giorni e successivamente a una riunione tenutasi con Lucio Greco, che ha esposto i propri programmi e dimostrato la sua disponibilità al dialogo e all’ascolto dandoci anche la possibilità di integrare le nostre proposte con il suo programma, io e il gruppo di cui mi faccio portavoce composto dagli ex candidati al consiglio Franco Tinnirello, Selenia Catalano, Elisa Nastasi, Alison Romano, Michele Messina e dei sostenitori Salvatore e Giuseppe Susino, Francesco Minardi e altri professionisti locali che delusi dai metodi con cui l’ex Candidato Sindaco Melfa ha operato la scelta di appoggiare il candidato Spata non solo ci dissociamo ma decidiamo di continuare il nostro percorso in modo coerente con i principi portati avanti in questa campagna elettorale confluendo nella Coalizione Civica che appoggia la candidatura di Lucio Greco alla carica di sindaco».

Last modified on Venerdì, 10 Maggio 2019 10:56
Jerry Italia

Giornalista, appassionato di musica, un passato da musicista e presentatore, ha lavorato come esperto di comunicazione negli enti locali. Colleziona vinili, in particolare di blues.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.