Gela: il «gancio» di «Rocky» Melfa dal palco della piazza. «I miei avversari? Sono i responsabili del disastro. Con quale coraggio vi chiedono il voto?» Featured

Domenica, 14 Aprile 2019 15:07 Written by  Published in Politica

La pioggia improvvisa di ieri sera aveva rischiato di far saltare tutto ma alla fine Maurizio Melfa non ha voluto deludere il nutrito gruppo di supporters che avevano raggiunto Piazza Umberto e ha deciso comunque di infrangere per primo in questa campagna elettorale, il tabù del comizio pubblico. 

È salito sul palco assieme alla sua squadra, accompagnato dalla musica di Bill Conti scritta appositamente per la saga cinematografica di “Rocky”, e che Melfa ha fatto propria per questa nuova competizione elettorale. E mai colonna sonora fu più appropriata considerato che l’imprenditore dal palco di una Piazza Umberto che si è andata via via popolando, piazza immediatamente un uno- due deciso all’indirizzo degli avversari politici. 

«Hanno tentato di infangarmi in tutti i modi – ha detto Melfa – cercando di sfruttare in maniera strumentale e vergognosa il fatto che io sia indagato per aver concesso sponsorizzazioni a delle società sportive. La giustizia farà il suo corso e presto verrà fatta chiarezza, ciò che è certo è che nella mia vita ho sempre sostenuto lo sport e non ho alcuna intenzione di smettere di farlo. La politica del “fare” non può essere penalizzata da chi pensa solo a demonizzare l’avversario».

E qui Melfa cala il secondo uppercut, quello più devastante. 

«Porto insabbiato, città abbandonata – attacca l’imprenditore – e lavoro che non c’è. Tutto questo ha nomi e cognomi quelli dei nostri competitor che sono al potere da decenni. Ma come dovrebbe votare questa gente il cittadino? Gente che si ripropone con la spazzatura della politica o che è stata calata lì dall’alto. Noi siamo diversi, perché per noi la politica non è “prendere” ma “dare”, ed è questa la vera novità».

Con lui sul palco quattro dei cinque assessori designati (il quinto, Vincenzo Castellana, è impegnato a Milano con la Fiera del Mobile). Gandolfo Barranco, Francesca Tona, Anita Lo Piano e Peppe Di Vara si passano il microfono l’un l’atro per illustrare i punti principali del programma, dalla sburocratizzazione degli uffici comunali al rilancio dei Servizi Sociali con particolare attenzione ai disagiati e agli ultimi. E poi ancora la riapertura delle strutture sportive e l’organizzazione di eventi di respiro nazionale che partano proprio dallo sport e dall’arte.

«Questa città non è morta come vogliono farci credere - conclude Maurizio Melfa – abbiamo tutte le carte in regola per rialzarci e per avviare un nuovo boom economico. Le potenzialità ci sono, le competenze pure. Un voto a questa squadra è un voto all’intera città».

Last modified on Domenica, 14 Aprile 2019 15:33
Jerry Italia

Giornalista, appassionato di musica, un passato da musicista e presentatore, ha lavorato come esperto di comunicazione negli enti locali. Colleziona vinili, in particolare di blues.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.