La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Gela ha esercitato l’azione penale con richiesta di rinvio a giudizio nei confronti del Sindaco del Comune di Butera.

Né vinti e vincitori, l'unico ad aver vinto è l'astensionismo. Il sindaco neo eletto non è stato votato dalla maggioranza degli elettori ma solamente dal 20 per cento di coloro che si sono recati alle urne, avrà il dovere di dimostrare di essere il sindaco di tutti.

Un morto e due feriti e una donna in gravidanza - la compagna dell'uomo deceduto - colta da malore dopo avere appreso la notizia. È questo il bilancio di un incidente avvenuto ieri sera all'altezza del bivio Camemi, sulla SS 117 Bis, strada che collega Gela e Piazza Armerina.

Sì aggrava il bilancio dell'incidente avvenuto in serata sulla Provinciale, nei pressi di contrada Bulala, che ha visto coinvolte una Fiat «Panda» e una Nissan «Almera».

Questa vita agrodolce, certi giorni ti inebria, altri invece devasta. Oggi è uno di quei giorni perché ci lascia Stefano Gallo, collega di una vita, dei tanti anni trascorsi al Giornale di Sicilia, ma soprattutto amico. Vero. 

Nella serata di mercoledì i poliziotti del Commissariato di Niscemi hanno arrestato R.L. ventottenne niscemese, sottoposto alla sorveglianza speciale della pubblica sicurezza, poiché colto nella flagranza dei reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali, danneggiamento, violenza, minaccia e oltraggio a pubblico ufficiale.

Agenti del commissariato di Gela e della Mobile hanno tratto in arresto quattro persone nel corso di un'operazione condotta ieri nelle campagne dell'Ipparino. In manette Luigi Gennaro, 60 anni di Gela, Giuseppe Frasca, di 39 e Alessandro Trigona di 38, entrambi di Vittoria e Sebastiano Castello, 34 anni di Comiso. Sono tutti accusati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Un'operazione antidroga antidroga è stata eseguita da agenti del Commissariato di Gela e della Mobile nelle campagne di Butera. Quindici chili di marijuana pronta per lo spaccio sono stati sequestrati durante un'irruzione all'interno di un casolare di campagna, quattro le persone arrestate.

Una Fiat «Punto» ha preso fuoco stamattina, intorno alle 9.30 in via Aurelia, nel quartiere Fondo Iozza, all'angolo con la via Casilina. Sul posto i Vigili del fuoco del locale distaccamento.

È morto ieri a tarda sera Franco Muncivì, 69 anni, ex consigliere comunale e elemento di spicco di Forza Italia, partito nel quale era stato eletto alcuni anni fa. Rientrava nella sua abitazione, in centro storico, a due passi dal municipio.