Una lussuosa tenuta di caccia, con trenta ettari di terreno e 7 dependance risalenti all'Ottocento, fabbricati, terreni e quote di due società e una ditta individuale oltre a vari rapporti bancari. Sono i beni - per un valore di circa 4 milioni di euro - sequestrati dagli agenti della Direzione Investigativa Antimafia di Caltanissetta a un dottore commercialista di Gela, Salvatore Cascino, 47 anni.

Il dramma che prende corpo nei minuti in cui la notizia si diffonde attraverso la bacheca social di uno degli amici del cuore. «Giuseppe sei volato in cielo così velocemente... ti terrò sempre nei mio cuore».

La criminalità torna ad alzare il tiro con due incendi nella notte appena trascorsa, dopo alcuni giorni di calma apparente.

Un giovane è rimasto ferito in un violento impatto tra lo scooter a bordo del quale viaggiava e una Fiat «Panda». L'incidente della strada è avvenuto intorno alle 7.50 di stamane, a Scavone, in via Rio De Janeiro. 

I medici hanno disposto il trasferimento in elicottero del giovane motociclista di 25 anni (G. M. le iniziali) presso l'unità di Neurorianimazione dell'ospedale «Sant'Elia» di Caltanissetta, essendo le condizioni molto gravi. È in arrivo il velivolo del 118 per il trasferimento. Il centauro era giunto in codice rosso intorno alle 11.30 all'ospedale «Vittorio Emanuele» in conseguenza ai traumi riportati in un incidente della strada avvenuto sul cavalcavia di via Recanati, a pochi isolati dallo stadio.

La Procura della Repubblica di Gela ha disposto nella giornata del 19 maggio u.s. il fermo di indiziato di delitto, eseguito da Carabinieri del Reparto Territoriale di Gela, di un uomo, B.S. classe 1974 di Mazzarino, per tentato omicidio.

Gela, arrestato dalla Polizia quarantasettenne sottoposto alla misura della detenzione domiciliare per evasione. Era uscito di casa per soccorre un amico in panne. L’uomo, nel giro di un mese, avrebbe violato per ben due volte le prescrizioni imposte dall'autorità giudiziaria.

I militari della Stazione di Niscemi con la collaborazione del NORM del Reparto Territoriale di Gela, durante un più incisivo controllo del territorio mirato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti,  hanno tratto in arresto due giovani G.V. Classe 1984 e B.N. Classe 1996, di cui uno già noto alle Forze dell’Ordine, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

"Messa alla prova", uno sportello al Tribunale. Firmato questa mattina il protocollo che consentirà l'attivazione di uno sportello dedicato alla messa alla prova e ai lavori di pubblica utilità per le persone imputate o indagate.  

La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Gela ha esercitato l’azione penale con richiesta di rinvio a giudizio nei confronti del Sindaco del Comune di Butera.