Riesi: scultura «mutilata» in piazza Garibaldi, gesto teppistico o giovani afflitti dalla noia? «Ferita orrenda, non sciupiamo il bello che c'è» Featured

Domenica, 03 Novembre 2019 16:08 Written by  Published in Cronaca

L'arte mutilata, una ferita che sanguina e quello che potrebbe apparire come un piccolo gesto teppistico viene giustamente sottolineato dai cittadini.

Un'installazione realizzata da Tina Aldisi e Leonardo Cumbo nel corso dei lavori di riqualificazione della piazza Garibaldi, raffigurante un ragazzo che tira la bestia, istantanea del mondo rurale dell'entroterra siculo, è stata danneggiata nottetempo.

Il braccio destro del giovane, raffigurato nel gruppo scultoreo, è stato spaccato e ridotto in vari pezzi, abbandonati alla base dell'installazione artistica.

«Una ferita grave - dice Eugenio Difrancesco, imprenditore simbolo della lotta alla criminalità, appassionato di arte - spero che gli autori vengano identificati. In una città marchiata, purtroppo, dalla criminalità e dallo spaccio, piange veramente il cuore vedere sciupare il bello che c'è, come appunto l'arte».

Difrancessco chiede alle autorità di garantire il funzionamento del sistema di videosorveglianza.

«Temo - dice - che e telecamere non funzionino e lancio un appello alle istituzioni affinché questo possa problema possa essere risolto».

Last modified on Domenica, 03 Novembre 2019 16:21
Redazione

Today 24 è un quotidiano on line indipendente, fondato nel 2014 da Massimo Sarcuno. Ogni giorno racconta i fatti e le notizie di Gela, Niscemi, Riesi, Butera, Mazzarino e di molti altri comuni del comprensorio. In particolare l’area del Vallone.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.