Niscemi: è venuto a mancare Gaetano Vacirca, affettuosamente «Tanuzzo re piattina». Ci lascia un pezzo di storia del corpo bandistico Featured

Lunedì, 28 Ottobre 2019 21:19 Written by  Published in Cronaca

Dopo avere dedicato sin da bambino la sua esistenza terrena a suonare i piatti nel Corpo bandistico cittadino che ha sempre considerato la sua famiglia e motivo della sua vita, si è spento ieri mattina all’Ospedale “Vittorio Emanuele di Gela” all’età di 89 anni Gaetano Vacirca, chiamato affettuosamente da tutti “Tanuzzu re piattina”.

Le condizioni di salute di “Tanuzzu” infatti, già sofferente di diverse patologie tipiche della vecchiaia, nell’ultimo mese si sono aggravate, per cui dalla Casa di riposo “Maria Santissima del bosco” dov’era ospite, è stato trasferito e ricoverato all’ospedale di Gela per essere clinicamente più assistito e dove purtroppo è spirato. La notizia della morte dell’anziano piattista della banda musicale, ha suscitato tantissima commozione in città, anche perché “Tanuzzu” è stato sempre benvoluto e rispettato da tutta la popolazione ed in particolar modo dai giovani musicisti del Corpo bandistico dell’associazione culturale “Amici della musica” di cui faceva parte. Gaetano Vacirca ha compiuto 89 anni venerdì scorso 25 ottobre ed è stato festeggiato per il suo ultimo compleanno in ospedale malgrado allettato, ma lucido, da tutti i musicisti del Corpo bandistico. Con “Tanuzzo”, nipote del maestro Nicola Franco che diresse la banda musicale dal 1910 al 1950 ed a cui è intitolata alla memoria l’associazione culturale “Amici della Musica”, va via un pezzo di storia del Corpo bandistico cittadino. Il maestro Nicola Franco fu provato dal grande dolore della perdita del figlio Enrico Franco, capitano degli Alpini (primo cugino di Tanuzzu), caduto eroicamente sul fronte Greco durante la seconda guerra mondiale dove ancora riposano i resti e decorato con la Medaglia d’oro al valor militare. “Tanuzzo” afferma commosso il presidente dell’Associazione culturale Amici della musica Rosario Monteleone, “ha sempre portato alti i valori della banda musicale e malgrado acciaccato e con le forze che gli venivano sempre meno, durante le processioni, veniva a suonare anche una sola marcia sinfonica e poi andava via. Non lo dimenticheremo mai”. I funerali di “Tanuzzo”, che lascia il fratello Giuseppe e dei nipoti, saranno celebrati oggi pomeriggio alle 16 in chiesa Madre e con il triste addio del Corpo bandistico che lo omaggerà con l’esecuzione di marce funebri.

Last modified on Martedì, 29 Ottobre 2019 08:35
Alberto Drago

Giornalista pubblicista, niscemese doc, ha lavorato in varie redazioni locali e regionali, contribuendo negli anni Novanta alla nascita di Antenna Sud. Impegnato nel volontariato con l’associazione nazionale Carabinieri. Collabora con il quotidiano La Sicilia. Ha fondato e diretto il periodico “L’Appunto”.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.