Gela: brucia l'auto perché non ha i soldi per ripararla, quarantenne smascherato dalla Polizia. Denunciato per simulazione di reato e incendio Featured

Martedì, 16 Luglio 2019 07:14 Written by  Published in Cronaca

Aveva fatto i conti senza l'oste, incendiandosi l'autovettura e simulando un avvertimento ai suoi danni. I fatti risalgono a due mesi fa. Era il mese di maggio e l'uomo si era presentato negli uffici del commissariato per denunciare il furto della propria autovettura, una Ford Focus, avvenuto il giorno prima.

L’indomani l’auto era stata trovata dai poliziotti, totalmente bruciata, in contrada Palladia. Nel corso delle indagini condotte dagli agenti, sono state acquisite le immagini di alcuni impianti di videosorveglianza di alcuni privati. Dalla ricostruzione degli eventi sono emerse significative discrasie tra il giorno e l’orario del presunto furto indicato in denuncia e quello in cui l’auto era stata data alle fiamme e abbandonata nella predetta contrada. Tra l’altro dalle immagini si evidenziava una somiglianza fra il denunciante e l’uomo che aveva appiccato le fiamme al mezzo. Convocato il proprietario dell’auto in commissariato, di fronte alle contestazioni mossegli dai poliziotti, lo stesso ha ammesso di aver mentito sul furto, assumendosi anche la responsabilità dell’incendio della stessa, spiegando che la vettura era guasta e che lui non aveva la disponibilità economica per farla riparare. Dopo le formalità l'uomo è stato denunciato a piede libero per simulazione di reato, false attestazioni alla polizia giudiziaria e incendio.

Last modified on Martedì, 16 Luglio 2019 08:15
Redazione

Today 24 è un quotidiano on line indipendente, fondato nel 2014 da Massimo Sarcuno. Ogni giorno racconta i fatti e le notizie di Gela, Niscemi, Riesi, Butera, Mazzarino e di molti altri comuni del comprensorio. In particolare l’area del Vallone.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.