Print this page

Niscemi: «L'acqua costa quasi come la benzina», proteste dopo le bollette. Un utente minaccia di rivolgersi alla magistratura

Giovedì, 11 Luglio 2019 21:47 Written by  Published in People
Rate this item
(0 votes)

Continuano ad essere recapitate in città bollette dell’acqua con importi sempre più “salati” per le tasche degli utenti. Sta accadendo che tanti cittadini hanno ricevuto nei giorni scorsi da Caltaqua, la società che gestisce il servizio idrico in città, bollette dove ogni metro cubo d’acqua consumato viene quasi calcolato al prezzo di un litro di benzina. 

È il caso che segnala pubblicamente anche nei social il radiotecnico Maurizio Giannetto che spiega:”venerdì della scorsa settimana mi è arriva una bolletta dell’acqua con un importo da pagare di 318 euro e 50 centesimi. Non mi spiego il perché di questo importo salatissimo e dato che ho sempre pagato a trimestre 30 Euro e 40 centesimi, vedo che mi è stato calcolato nell’ultimo periodo un consumo d’acqua di 78 metri cubi. Come se avessimo una piscina a casa. Cosi sono andato a confrontare le bollette passate e mi accorgo che solo tre mesi fa ho consumato zero metri cubi di acqua. In pratica”, aggiunge sarcasticamente Maurizio Giannetto,”non mi sono lavato per tre mesi, né ho pulito per terra e nemmeno i piatti. Vado così a vedere la bolletta dell’acqua di 6 mesi fa dove risulta che ho consumato un solo metro cubo d’acqua. Almeno stavolta mi sono lavato mi sono detto e forse ogni tanto ho pure buttato l’acqua nel water. Sempre più incuriosito e desideroso di capire, vado così a vedere la bolletta dell’acqua di 1 anno fa (20 giugno 2018), dove risulta che ho consumato 487 metri cubi d’acqua. Questo mi ha permesso di notare che nei mesi successivi infatti Caltaqua non ha letto il contatore ed ha deciso nell’ultima bolletta di regalarmi metri e metri cubi d’acqua, corrispondenti agli ultimi 9 mesi per farmela pagare con un consumo stimato in 78 metri cubi come se si fosse verificato nell’ultimo trimestre, ovvero con l’acqua in prima fascia calcolata a 1 euro e 5 centesimi il metro cubo, ad 1 Euro e 30 centesimi in seconda fascia, a 4 Euro e 22 centesimi in terza fascia, a 5 Euro e 45 centesimi in quarta fascia ed e ben 6 Euro e 13 centesimi il metro cubo in quinta fascia. E qui mi viene da pensare “conclude Maurizio Giannetto:”ma che è, acqua o benzina quella che consumiamo? Se io consumo 78 metri cubi di acqua in un anno, significa che in media consumo 19,5 metri cubi di acqua a trimestre e che pertanto, non rientrando come consumo nella terza, quarta e quinta fascia, devo pagare l’acqua ad 1 euro e 30 centesimi il metro cubo e non a 6 Euro e 13 centesimi”. Una “furbata” che se non sarà corretta Maurizio Giannetto, si riserva di presentare un esposto alla magistratura.

Last modified on Venerdì, 12 Luglio 2019 04:33
Alberto Drago

Giornalista pubblicista, niscemese doc, ha lavorato in varie redazioni locali e regionali, contribuendo negli anni Novanta alla nascita di Antenna Sud. Impegnato nel volontariato con l’associazione nazionale Carabinieri. Collabora con il quotidiano La Sicilia. Ha fondato e diretto il periodico “L’Appunto”.