Gela: «Ha vinto l'astensionismo», Fratelli d'Italia e l'analisi del voto. «Un centrodestra unito avrebbe centrato un risultato storico dopo 20 anni» Featured

Mercoledì, 15 Maggio 2019 08:59 Written by  Published in Cronaca

Né vinti e vincitori, l'unico ad aver vinto è l'astensionismo. Il sindaco neo eletto non è stato votato dalla maggioranza degli elettori ma solamente dal 20 per cento di coloro che si sono recati alle urne, avrà il dovere di dimostrare di essere il sindaco di tutti.

Lo dice Salvatore Scuvera, coordinatore di Fratelli d'Italia. 

«Siamo rammaricati - dice - considerato l'esiguo scarto tra i due candidati a sindaco, dal fatto che se il centrodestra si fosse presentato unitario la città avrebbe finalmente avuto, dopo decenni, un governo di centrodestra. Invece non è andata così, all'interno della coalizione variegata costruita a solo scopo elettorale erano presenti compagine politiche di centrodestra che non hanno contribuito alla vittoria dei moderati, ma aiutato a riportare nuovamente la sinistra e il Pd, quella sinistra e quel Pd che i cittadini non volevano assolutamente tributare consensi e lo dimostrano la percentuale di consensi ottenuti dalle loro liste, al governo della città. Come possono convivere insieme le anime di Forza Italia con quella della sinistra che hanno sensibilità diverse su moltissime tematiche. Si prospetta un lavoro arduo per il sindaco tenere insieme le diverse e variegate realtà che compongono la sua maggioranza. Dal canto nostro, lavoreremo per incentivare la partecipazione dei giovani alla vita politica e consolidare e rilanciare il nostro partito Fratelli d’Italia, ad iniziare dalle Europee del 26 maggio». 

Last modified on Mercoledì, 15 Maggio 2019 09:37
Jerry Italia

Giornalista, appassionato di musica, un passato da musicista e presentatore, ha lavorato come esperto di comunicazione negli enti locali. Colleziona vinili, in particolare di blues.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.