Niscemi: Pasqua amara per 16 operatrici della cooperativa Azione Sociale, senza stipendio da 7 mesi. La Cgil invoca l'intervento del Prefetto Featured

Domenica, 21 Aprile 2019 10:20 Written by  Published in Cronaca

Sono 16 le dipendenti della Società Cooperativa “Azione sociale” che assistono nei tre Circoli didattici e nei due plessi delle scuole medie della città gli alunni diversamente abili e che dal mese di ottobre dell’anno scorso, ovvero dall’inizio dell’anno scolastico, non hanno ancora percepito nessuna paga.

Le lavoratrici infatti, sono sempre più sull’orlo di una crisi di nervi per le difficoltà economiche con le quali convivono oramai da sette mesi, che si fanno sempre più insostenibili e che si ripercuotono negativamente sui bilanci delle loro famiglie e con l’impossibilità di potere anche pagare le varie utenze domestiche, le assicurazioni delle auto, chi il mutuo e chi la casa in affitto. Privazioni che per cercare di sbarcare il lunario, hanno indotto diverse dipendenti duramente provate dai disagi economici a fare anche la spesa a credito ed a chiedere piccoli prestiti in ambito familiare, pur di non fare mancare il panino ai figli per andare a scuola tutte le mattine. Le 16 lavoratrici sono assistite dalla Cgil Camera del lavoro di Niscemi di cui è segretario Pino Pardo, il quale ha chiesto alla prefettura nei giorni scorsi per una positiva soluzione della vertenza lo svolgimento di un tavolo tecnico.

“Le lavoratrici hanno diritto di percepire tutte le retribuzioni loro spettanti” afferma il segretario della Cgil Camera del lavoro di Niscemi Pino Pardo,”ed il sindacato farà di tutto affinché la vertenza possa essere risolta”. A quanto pare è il Comune deve pagare le fatture alla Società cooperativa Azione sociale, in modo che possa erogare le paghe alle dipendenti. A tal proposito, il sindaco Massimiliano Conti, interpellato sul problema, rassicura che l’Amministrazione comunale è dalla parte delle lavoratrici. “La società”, spiega il primo cittadino,” ha ceduto il credito alla banca ed abbiamo cercato di convocare più volte il responsabile legale della cooperativa di cui le lavoratrici sono dipendenti per un incontro. Personalmente sto seguendo l’evolversi della vertenza, guardando positivamente anche alla convocazione del tavolo tecnico in prefettura. Le lavoratrici hanno sicuramente diritto di percepire tutte le paghe”.

Last modified on Domenica, 21 Aprile 2019 10:34
Alberto Drago

Giornalista pubblicista, niscemese doc, ha lavorato in varie redazioni locali e regionali, contribuendo negli anni Novanta alla nascita di Antenna Sud. Impegnato nel volontariato con l’associazione nazionale Carabinieri. Collabora con il quotidiano La Sicilia. Ha fondato e diretto il periodico “L’Appunto”.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.