Gela: «È vicino agli Emmanuello», Carabinieri e Guardia di Finanza confiscano i beni a Nicola Liardo. Immobili, terreni e una nota pizzeria Featured

Giovedì, 21 Marzo 2019 08:30 Written by  Published in Cronaca

Blitz all'alba e confisca dei beni, nei confronti di Nicola Liardo, 44 anni, presunto affiliano a Cosa Nostra gelese. Il provvedimento è stato deciso dal Tribunale di Caltanissetta, e riguarda un ingente patrimonio, composto da beni mobili, immobili e un intero complesso aziendale, del valore complessivo di circa un milione di euro. 

«La confisca - spiegano gli investigatori - è l'epilogo di una complessa attività investigativa, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Caltanissetta, che ha visto una stretta e costante collaborazione tra militari dell'Arma e Baschi Verdi, nella ricerca di fonti di prova, nonché nell'accurata e compiuta dimostrazione della sproporzione tra reddito e il patrimonio del nucleo familiare di Liardo, da sempre vicino alla famiglia Emmanuello, arrestato nel corso di svariate operazioni condotte delle forze di polizia per i reati di associazione di tipo mafioso, nonché estorsione e, suo core business, traffico di sostanze stupefacenti».

Liardo, il 25 settembre del 2017, era finito in carcere a conclusione di un'inchiesta denominata «Donne D’Onore», sempre coordinata dalla Dda Nissena.

Le risultanze investigative hanno trovato pieno riscontro da parte della Magistratura che ha così disposto la confisca dei seguenti beni:

- due immobili nel centro storico di Gela, tra cui la casa di abitazione della famiglia di Liardo;

- quattro terreni agricoli, che si estendono per diversi ettari, tra le contrade Manfria e Gibliamuto;

- quattro autoveicoli;

- una nota pizzeria-tavola calda in via Venezia.

«Un altro duro colpo - dicono gli investigatori - inflitto con la misura di prevenzione alla criminalità gelese con i beni confiscati che entreranno poi a far parte del patrimonio dello Stato».

Last modified on Giovedì, 21 Marzo 2019 09:01
Redazione

Today 24 è un quotidiano on line indipendente, fondato nel 2014 da Massimo Sarcuno. Ogni giorno racconta i fatti e le notizie di Gela, Niscemi, Riesi, Butera, Mazzarino e di molti altri comuni del comprensorio. In particolare l’area del Vallone.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.