Niscemi: don Massimo Ingegnoso si è insediato, è il nuovo parroco della Chiesa Madre. Ieri la celebrazione, presieduta da monsignor Gisana

Giovedì, 01 Novembre 2018 17:34 Written by  Published in People

La comunità di Santa Maria d'Itria Chiesa Madre abbraccia il suo nuovo pastore. Mercoledì sera erano veramente tanti i fedeli presenti alla cerimonia di insediamento del nuovo parroco, don Massimo Ingegnoso. Il maltempo non è riuscito a fermare l'affetto dei parrocchiani.

È stato il vescovo, Rosario Gisana, a presiedere la celebrazione, alla quale hanno preso parte vari rappresentanti del clero, giunti da ogni parte della diocesi.

Don Massimo ha percorso il corridoio principale camminando al fianco del vescovo, fino all'altare. Addosso i paramenti delle grandi occasioni, negli occhi una grande emozione. Monsignor Gisana, nel conferirgli la cura pastorale della parrocchia più antica di Niscemi, nella sua omelia ha voluto ricordare il predecessore, don Filippo Salerno.

«Il ricordo - ha detto il presule - è ancora vivo fra noi e a lui va la nostra stima e il nostro affetto». Don Filippo, su decisione del vescovo, è tornato a Gela, alla guida della cappella presso l'ospedale Vittorio Emanuele.

 «Don Massimo - ha sottolineato Gisana - è giovane ma solo in apparenza, perché ha tutti carismi per potere guidare la comunità dei fedeli che gli è affidata».

Belle anche le parole del parroco.

«Il Signore - ha detto citando il profeta Geremia - mi disse: Sono giovane, ma va’ da coloro a cui ti manderò e annunzia ciò che io ti ordinerò». A porgere il caloroso saluto e gli auguri dei suoi parrocchiani a don Massimo è stato Giuseppe Mandrà.

presente anche il sindaco, Massimiliano Conti, che ha dato un messaggio di benvenuto a nome della cittadinanza.

Don Ingegnoso nella stessa sera ha anche festeggiato i sei anni di vita consacrata.

Last modified on Giovedì, 01 Novembre 2018 20:58
Redazione

Today 24 è un quotidiano on line indipendente, fondato nel 2014 da Massimo Sarcuno. Ogni giorno racconta i fatti e le notizie di Gela, Niscemi, Riesi, Butera, Mazzarino e di molti altri comuni del comprensorio. In particolare l’area del Vallone.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.