Niscemi: concluso il progetto Pon «Per la Scuola – Competenze e ambienti per l’apprendimento» all’Istituto Comprensivo. Interventi in favore degli alunni svantaggiati ed a rischio dispersione

Mercoledì, 13 Giugno 2018 16:48 Written by  Published in People

Una scuola verso il futuro: è l’istituto comprensivo di Niscemi, che nell’anno scolastico appena concluso ha realizzato significativi interventi in favore degli alunni svantaggiati e a rischio dispersione.

Il «Comprensivo», retto dalla dirigente Licia Salerno, si articola in scuola primaria e scuola secondaria di primo grado (ex scuola media). Nei giorni scorsi i docenti dell’istituto hanno concluso il progetto Pon «Per la Scuola – Competenze e ambienti per l’apprendimento», che è un Programma plurifondo cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo e finalizzato al miglioramento del servizio di istruzione. In particolare, si è cercato di contrastare il fallimento formativo precoce e la dispersione scolastica e formativa, tramite interventi di sostegno agli alunni caratterizzati da particolari fragilità, tra cui anche persone con disabilità. In particolare, questo intervento ha avuto come obiettivo il conseguimento delle finalità di sviluppo e coesione sociale nel medio e nel lungo periodo, oltre che garantire reali processi di inclusione sociale, di applicazione del principio delle pari opportunità e di riduzione del disagio sociale.

«In quest’ottica - affermano la dirigente Salerno e il professore Aldo Branciforti, valutatore del PON - gli interventi sono un valore aggiunto, un’occasione di arricchimento per la scuola, un’opportunità di miglioramento delle situazioni di apprendimento degli studenti che, vivendo in ambienti sociali e culturali meno stimolanti, hanno bisogno di una Scuola che accolga e faccia crescere le loro curiosità, favorisca lo sviluppo originale delle personalità e delle attitudini, dia strumenti di comprensione e di interazione positiva con la realtà».

Nello specifico, nella scuola media sono stati realizzati i seguenti moduli: potenziamento della lingua straniera inglese (con esame finale Trinity); potenziamento delle competenze di base in lingua madre, potenziamento delle competenze di base in matematica, educazione motoria.

Per la Scuola Primaria, le attività hanno interessato: educazione motoria, inglese (con esame finale Trinity), arte, tecnologia. Nel progetto sono stati coinvolti circa 200 alunni segnalati dai rispettivi Consigli di Classe e distribuiti nei diversi moduli in funzione delle loro competenze, capacità, attitudini ed età.

«I risultati sono stati soddisfacenti – assicura la dirigente - sia per quanto riguarda il gradimento da parte degli alunni rispetto alle attività proposte, ma soprattutto in termini di valutazione finale, i cui risultati sono stati veicolati ai consigli di classe per contribuire alla valutazione di fine anno scolastico».

Si è trattato in sostanza di un progetto svolto in un clima di assoluta serenità e massima collaborazione tra tutti i soggetti coinvolti, messo in atto da una scuola che guarda al futuro di tutti gli alunni e, in particolare, di quelli più svantaggiati.

Last modified on Mercoledì, 13 Giugno 2018 16:52
Salvatore Federico

Giornalista pubblicista, ex insegnante di scuola primaria, ha collaborato con diverse testate tv, anche nazionali (Rai Due). Da Niscemi scrive per il Giornale di Sicilia di Palermo, testata con la quale collabora dagli anni Ottanta.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.