Niscemi: domani al centro Liardo incontro su Ninetta Burgio e Pierantonio Sandri, promosso da «Libera nomi numeri contro le mafie» e dalla Fai antiracket

Giovedì, 14 Dicembre 2017 10:56 Written by  Published in People

«Per una memoria che si fa impegno raccontiamo Ninetta Burgio e Pierantonio Sandri», è il  tema di un incontro promosso dalle associazioni «Libera nomi numeri contro le mafie» e dalla Fai antiracket, intitolata alla memoria di «Ninetta Burgio», la «Madre coraggio» di Niscemi, che con i suoi tantissimi accorati appelli, non si arrese mai alla scomparsa del figlio Pierantonio Sandri, avvenuta misteriosamente il 3 settembre del 1995 ed i cui resti, furono rinvenuti dopo 14 anni su indicazione di un pentito di mafia, sepolti nella Riserva naturale di contrada Vituso.

Il coordinamento regionale di Libera e la Fai antiracket «Ninetta Burgio» di Niscemi infatti, domani mattina alle 9.30, presso l’auditorium del Centro socio culturale «Totò Liardo», intendono incontrare gli studenti delle scuole superiori e la cittadinanza per raccontare dell’insegnante Ninetta Burgio come «Madre coraggio» e del figlio Pierantonio Sandri, vittima innocente della mafia, il quale secondo le indagini della polizia, venne ucciso per avere visto compiere un attentato incendiario. Presiederanno l’incontro con gli studenti delle scuole superiori don Luigi Ciotti (Presidente di Libera), l’avvocato Enza Rando (membro dell’Ufficio di presidenza di Libera) e la dottoressa Raffaella Vinciguerra, Sostituto procuratore.

«Raccontare è di vitale importanza - si legge in un comunicato diffuso dagli organizzatori - perché i valori vissuti nel passato possano riemergere nel presente con una sorta di passaggio di testimone alle nuove generazioni, affinché possano sviluppare coscienza critica e senso di appartenenza». La vicenda di Pierantonio Sandri, fu ammantata, da un alone di mistero per tanti anni, ma la madre continuò a lanciare tanti appelli accorati, fino a quando la verità non venne a galla.

Alberto Drago

Giornalista pubblicista, niscemese doc, ha lavorato in varie redazioni locali e regionali, contribuendo negli anni Novanta alla nascita di Antenna Sud. Impegnato nel volontariato con l’associazione nazionale Carabinieri. Collabora con il quotidiano La Sicilia. Ha fondato e diretto il periodico “L’Appunto”.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.