Niscemi: questore e rappresentanti del sindacato della Polizia incontrano i diversabili del Centro diurno. Donate uova di Pasqua e scarpe agli utenti

Domenica, 16 Aprile 2017 15:47 Written by  Published in People

Gradita e gioiosa per i diversabili del Centro diurno «Rosario Livatino» gestito dall’associazione genitori di soggetti diversabili diretta dal presidente Walter Donato Boscaglia, l’annuale visita di auguri Pasquali da parte del questore di Caltanissetta Giovanni Signer e dei vertici del sindacato italiano appartenenti polizia (Siap).

Un incontro ormai consolidato nel tempo quello tra i ragazzi diversabili del Centro diurno «Rosario Livatino» in contrada Apa in un immobile confiscato alla mafia ed il questore di Caltanissetta ed i rappresentanti del sindacato di polizia che si rinnova annualmente a Pasqua su iniziativa del Siap ed all’insegna dell’affetto, del sostegno morale e della solidarietà. Durante l’incontro il questore Giovanni Signer, i dirigenti nazionali del Siap Enzo Delle Cave, Luigi Lombardo ed il segretario provinciale, Giuseppe Porrovecchio, hanno donato ai ragazzi diversabili uova di Pasqua, nonché confezioni di scarpe offerte gratuitamente dall’azienda produttrice Pittarosso come segno d’affetto verso i ragazzi del Centro. A porgere gli auguri di Pasqua ai diversabili ed alle loro famiglie, sono anche intervenuti il dirigente del Commissariato di polizia Andrea Monaco ed il sindaco Francesco La Rosa, il quale ha parlato dell’edificio confiscato alla mafia, ora destinato a Centro di accoglienza per diversamente abili ed intitolato alla memoria del giudice Rosario Livatino. Il questore Giovanni Signer ha espresso soddisfazione per l’associazione genitori di soggetti diversabili che ha finalmente trovato una sede stabile per i propri ragazzi disabili. Assente per motivi lavorativi, il presidente dell’associazione Walter Donato Boscaglia: «Ringrazio il Siap ed il questore per i doni pasquali ai nostri ragazzi del Centro diurno e per la costanza del loro pensiero rivolto ad una fascia speciale della popolazione che ha bisogno di sentire la solidarietà». É proficuo al Centro diurno, l’impegno della coordinatrice Eleonora Pedilarco, che ha stimolato la trasformazione della terapia occupazionale in vera e propria didattica finalizzata a stimolare ulteriormente le capacità fisiche e intellettuali degli utenti disabili. Attività che vengono svolte presso la struttura anche con il supporto del personale e dei volontari.

Alberto Drago

Giornalista pubblicista, niscemese doc, ha lavorato in varie redazioni locali e regionali, contribuendo negli anni Novanta alla nascita di Antenna Sud. Impegnato nel volontariato con l’associazione nazionale Carabinieri. Collabora con il quotidiano La Sicilia. Ha fondato e diretto il periodico “L’Appunto”.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.