Chiesa Madre Niscemi, stasera il concerto di don Giosy Cento. Mercoledì la celebrazione solenne d'insediamento del parroco Massimo Ignegnoso Featured

Domenica, 28 Ottobre 2018 15:36 Written by  Published in Attualità

Concerto stasera alle 20.30 in chiesa Madre, di don Giosy Cento, 72 anni, il presbitero cantautore italiano originario di Ischia di Castro, località della provincia di Viterbo che ha realizzato circa 900 brani e 3 mila e 600 concerti di musica leggera cristiana. Un concerto quello di stasera che è preludio dell’insediamento ufficiale del nuovo parroco della chiesa Madre don Massimo Ingegnoso.

Mercoledì alle 18.30, in chiesa Madre, si terrà infatti la celebrazione eucaristica che segna ufficialmente l’inizio del Ministero del nuovo parroco, nominato recentemente dal vescovo, Rosario Gisana, e già di fatto subentrato alla guida della parrocchia a don Filippo Salerno, rientrato a sua volta come cappellano all'ospedale «Vittorio Emanuele» di Gela. Don Massimo Ingegnoso era già stato in passato rettore in città nella parrocchia San Giuseppe nel periodo in cui lo stato di salute del giovane e compianto parroco don Rosario Di Dio veniva sempre meno. A presiedere mercoledì sera alle 18.30 in chiesa Madre la celebrazione eucaristica d'inizio del ministero del nuovo parroco sarà lo stesso monsignor Gisana. Alla celebrazione, sarà animata dal coro polifonico “Santa Maria d'Itria” diretto dalla maestra Pierangela Gallì, sono state invitate a partecipare autorità locali, associazioni ecclesiastiche, di volontariato della città e tutto il clero. Saranno presenti alla celebrazione eucaristica fedeli e gruppi giovanili della parrocchia “Santa Maria d’Itria” Chiesa Madre.

Last modified on Domenica, 28 Ottobre 2018 15:44
Alberto Drago

Giornalista pubblicista, niscemese doc, ha lavorato in varie redazioni locali e regionali, contribuendo negli anni Novanta alla nascita di Antenna Sud. Impegnato nel volontariato con l’associazione nazionale Carabinieri. Collabora con il quotidiano La Sicilia. Ha fondato e diretto il periodico “L’Appunto”.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.