Pronte le «doppiette», sabato si apre la stagione di caccia. Il Tar respinge la richiesta di revoca del calendario venatorio delle associazioni ambientaliste Featured

Mercoledì, 30 Agosto 2017 09:32 Written by  Published in Attualità

Il 2 settembre le «doppiette» torneranno a sparare ma con alcuni limiti nelle zona devastate da incendi.

Respinta dal Tar la richiesta di revoca e di sospensiva del calendario venatorio 2017 – 2018 emanato recentemente dall’assessore regionale all’Agricoltura Antonello Cracolici. Al Tribunale regionale si erano rivolte Legambiente Sicilia, Wwf e Lipu per fermare la caccia in Sicilia. Per le associazioni non verrebbero rispettate diverse norme nazionali ed i pareri espressi dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale. Inoltre avevano già inviato una diffida per chiedere qua tomento che il calendario si uniformasse al parere dell’Ispra, autorevole organo scientifico a cui è attribuita la valutazione tecnica della sostenibilità delle modalità e dei tempi del prelievo venatorio su tutto il territorio nazionale.

Gli ambientalisti si erano opposti sin da subito al calendario venatorio chiedendone la sospensione poiché la caccia a settembre comporterebbe un gravissimo impatto sulle popolazioni selvatiche, fauna minacciata e devastata dagli incendi che hanno devastato boschi, riserve e aree rurali di particolare interesse per la fauna selvatica.

Adesso la sentenza del Tar che respinge la richiesta delle associazioni ambientaliste consente di fatto l’apertura della caccia prevista per il 2 settembre così come previsto dal calendario emanato dall’assessore Cracolici. Per l’amministratore invece sono state previste disposizione per preservare la fauna come tutele per alcune specie migratorie, limitazioni sul turismo venatorio selvaggio, sulle modalità di caccia (allodola in appostamento ed uso del furetto) oltre a prescrizioni particolari in zone vicine a aree interessate da roghi. Introdotta infatti una fascia di rispetto di 100 metri lungo i confini delle aree aggredite dalle fiamme, dove verrà interdetto il prelievo venatorio, oltre al divieto generale di caccia nelle zone incendiate stabilito dalla legge.

Last modified on Mercoledì, 30 Agosto 2017 09:34
Redazione

Today 24 è un quotidiano on line indipendente. Ogni giorno racconta i fatti e le notizie di Gela e dei comuni del comprensorio. In particolare Niscemi, Riesi, Butera e l’area del Vallone.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.