Gela: Strisce Blu, Distefano illustra tutte le novità. Al momento si parcheggia solo con tagliandi o l'abbonamento, ma forse torneranno i parcometri Featured

Mercoledì, 10 Luglio 2019 20:21 Written by  Published in Attualità

Da quando sono tornate in vigore le “strisce blu” in città c’è aria di caos e confusione. Ci pensa il vicesindaco, Terenziano Distefano, a fare chiarezza nel limite del possibile, illustrando le diverse peculiarità legate al regolamento che risale al 2017 i cui firmatari facevano parte alcuni componenti della giunta comunale con a capo il sindaco Domenico Messinese.

Lo stesso regolamento ha poi avuto un seguito in virtu di una decisione dell'ex commissario straordinario, Rosario Arena, che di fatto ha amministrato la città dopo la sfiducia all’ex sindaco grillino. Le novità sono state illustrate in conferenza stampa, nel pomeriggio, dal vicesindaco che nell'occasione era accompagnato dal collega di giunta, Ivan Liardi, titolare dei Lavori pubblici, e del consigliere Giuseppe Morselli.

Tra i punti fermi, anticipati ieri da Today24 (clicca qui per leggere l'articolo) oltre a quelli già conosciuti ai più, ovvero la suddivisione in “area A e area B” con 1 euro l’ora nella prima area (corso principale) e 0,60 l’ora per l’area B, altri - e sono diversi - riguardano a esempio i pass a pagamento per i residenti.

La rescissione contrattuale tra Ghelas e comune costerebbe alle casse comunali 271 mila euro. La giunta ha predisposto un atto che andrà in consiglio comunale entro e non oltre la fine della prossima settimana che prevede l’entrata in vigore dei parcheggi a pagamento dell’abbonamento da parte dei residenti. La tessera mensile costa 30 euro per l’area A e 20 euro per la B, con la particolarità che gli abbonati della fascia “A” potranno liberamente sostare in quella “B”. Gli abbonamenti avranno validità mensile (quindi trenta giorni "a partire dalla data di acquisto"). La zona“ calvario” lo spazio antistante il palazzo ducale non fa parte di nessuna area e dunque parcheggiare li non sarà più possibile. Gli orari previsti dal regolamento che non subirà modifiche entro ottobre saranno i seguenti: 8-13, 16-20. Attualmente fino alla prossima ristampa dei famigerati “Gratta e vinci” che non segnalano l’ora, la stessa andrà segnalata con una penna. Nella prossima ristampa invece, sarà indicata l’ora che per l’occasione andrà solo “grattata”.

«Ci sarà comunque un margine di tolleranza di 15 minuti - dice Distefano - i cittadini tramite disco orario potranno comunque avere del tempo per acquistare il biglietto e sostare».

I parcometri rimossi perché fino a ottobre era impossibile affittarli, non si esclude che possano tornare l’anno prossimo con una spesa di affitto che si aggira attorno ai nove mila euro. I lavoratori 8 per l’esattezza, addetti alla sosta avranno un contratto da parte del comune che inizierà il 1° agosto, avranno il compito di aggirarsi nei pressi delle Aree interessate dalle strisce blu, per aiutare i cittadini o segnalare eventuali disservizi. Sono 11 gli esercizi commerciali dove attualmente si possono trovare i “grattini” per la sosta. Si stima che le casse del Comune incasseranno da qui a ottobre ben 300 mila euro.

Ed allora… quando parcheggiate ”si gratti, chi può” e non dimenticate una penna per scrivere l’ora.

 

 

Last modified on Mercoledì, 10 Luglio 2019 21:06
Giusy Costanza

Direttrice del periodico «Mad in Sicily» vanta collaborazioni con il Giornale di Sicilia e vari media. Affermata presentatrice di eventi politici, gala e manifestazioni, è anche autrice del romanzo «Non c'è mai fine in amore» (2013 - Ed Betania)

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.