Niscemi: servizio raccolta rifiuti, permane lo stato di agitazione dei 31 operatori ecologici. Il prefetto convoca un tavolo per mercoledì a Caltanissetta Featured

Venerdì, 19 Aprile 2019 08:44 Written by  Published in Attualità

La soluzione sembra ancora lontana, il clima ancora teso e permane lo stato di agitazione dei 31 lavoratori del servizio di igiene ambientale del comune di Niscemi.

Sono stanchi di subire ritardi nel pagamento degli stipendi e, da circa tre mesi, hanno dato tutto in mano al sindacato. Il loro referente, Orazio Caiola, vice segretario provinciale del comparto Ambiente in Ugl, ha già avviato relazioni sindacali sia con la Prefettura che con il sindaco di Niscemi, Massimiliano Conti.

Un vertice è stato convocato per mercoledì alle 10.30 in prefettura, a Caltanissetta. 

I lavoratori sono alle dipendenza di Ambiente Italia e Mecogest, due aziende gelesi che operano in sub appalto con Tekra.

Le amministrazioni devono versare alle aziende i canoni per il servizio con cadenze regolari ed entro i 30 - 60 giorni di prassi. Questo però non sempre accade. I tempi degli enti locali non sono quelli del settore privato, le aziende devono far fronte ad anticipazioni, alla lunga si creano difficoltà di gestione. E a farne le spese sono i lavoratori. 

Di questo si parlerà il 24 aprile in Prefettura.

Last modified on Venerdì, 19 Aprile 2019 10:56
Redazione

Today 24 è un quotidiano on line indipendente, fondato nel 2014 da Massimo Sarcuno. Ogni giorno racconta i fatti e le notizie di Gela, Niscemi, Riesi, Butera, Mazzarino e di molti altri comuni del comprensorio. In particolare l’area del Vallone.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.