Riesi: cento candeline per nonno Salvatore. Grande festa per il compleanno e presentazione del libro di Calascibetta Featured

Giovedì, 31 Gennaio 2019 16:19 Written by  Published in Attualità

Grande festa per nonno Salvatore Russo che ieri ha soffiato su cento candeline. Un secolo di vita vissuto intensamente ma anche un testimone delle atrocità della guerra e della deportazione vissuta nei campi di prigionia tedeschi.

Le cento primavere del pimpante anziano sono state festeggiate ieri, durante la presentazione all’istituto «Carafa» del libro intitolato «Resistenti, storie di antifascisti, partigiani e deportati di Riesi», scritto da Giuseppe Giancarlo Calascibetta. Pagine con storie di uomini, tra i quali Salvatore Russo deportato IMI e decorato con la medaglia d’onore dal presidente della Repubblica nel 2017, raccontate dal componente dell’Anpi. Un’esperienza drammatica e alquanto toccante, narrata da Salvatore Russo, un valoroso figlio della Patria che ha resistito e combattuto per il sogno di un’Italia libera dal dominio tedesco. Ad accogliere gli ospiti ed a moderare l’incontro è stata la dirigente scolastica Adriana Quattrocchi, che si è soffermata sulle iniziative intraprese con l’Anpi locale e provinciale, per divulgare soprattutto tra le nuove generazioni la storia dell’antifascismo e della Resistenza.

Alla presentazione erano presenti anche l’assessora Rosy Pilato ed il sindaco Salvatore Chiantia che ha invece sottolineato il valore della memoria e delle radici storiche e ringraziato Calascibetta per aver scritto un libro, patrocinato dal Comune, che fa conoscere i riesini che hanno lottato per un Paese libero. Il presidente del Comitato provinciale dell’Anpi Giuseppe Cammarata, complimentandosi con l’autore, ha parlato del libro, primo volume su antifascismo e Resistenza promosso dall’associazione nel territorio nisseno. Non sono mancate poesie, canzoni dedicate alla Shoah da parte delle studentesse dell’istituto dirette dalla professoressa Maria Tina Piazza. Giuseppe Calascibetta ha parlato del suo libro, che prende spunto nel 2012 dalla testimonianza di Salvatore Porrovecchio, nipote di Ferdinando Di Legami, antifascista riesino ed erede politico dell’anarchico Giuseppe Butera che proclamò la Repubblica di Riesi nel 1914.

È proprio grazie a Porrovecchio, Rosario Riggio, Silvia Baglio ed a altri che Calascibetta recupera i nomi di altri antifascisti e partigiani riesini, citati nel libro. Ma è soprattutto la voce di Salvatore Russo a guidarlo nel racconto di una parte del volume. Una triste esperienza che ieri ha riposto nel cassetto buio dei ricordi per lasciare spazio alla gioia di festeggiare un giorno importante. I suoi primi 100 anni. Una grande emozione che ha condiviso con i suoi cari, amici, Anpi e studenti. Il primo cittadino Salvatore Chiantia, oltre a donare una targa a nome dell’Amministrazione comunale, ha simbolicamente conferito al nonnino la sua fascia tricolore nominandolo sindaco per un giorno. Al termine della presentazione torta offerta dalla famiglia Russo e calici alzati per brindare al valoroso militare riesino.

Last modified on Giovedì, 31 Gennaio 2019 17:22
Redazione

Today 24 è un quotidiano on line indipendente, fondato nel 2014 da Massimo Sarcuno. Ogni giorno racconta i fatti e le notizie di Gela, Niscemi, Riesi, Butera, Mazzarino e di molti altri comuni del comprensorio. In particolare l’area del Vallone.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.