Niscemi: festa di Santa Lucia oggi in chiesa Madre, distribuzione di «cuddureddi». Nella Cripta mostra del presepe dei fratelli Mongelli Featured

Giovedì, 13 Dicembre 2018 10:02 Written by  Published in Attualità

Festa in onore di Santa Lucia oggi in chiesa Madre e di cui è parroco don Massimo Ingegnoso e dove vicino all’altare centrale si trova esposto alla venerazione dei fedeli il settecentesco simulacro della Santa.

Così come è tradizione religiosa e popolare, i fedeli si recano oggi in chiesa Madre per omaggiare la Santa e portare i «cuddureddi», dolce tipico niscemese realizzato con ingredienti semplici di antica ricetta contadina, di piccole dimensioni, a forma di occhi, di palma o pane che viene preparato con acqua, zucchero, farina e margarina e poi cotto nel forno. I «cuddureddi», simbolo del martirio della Santa, portati dalle massaie devote, vengono benedetti e le quantità lasciate in chiesa, poi distribuiti ai fedeli in degustazione in cambio di offerte.

Oggi alle 10.30 è prevista in chiesa Madre una celebrazione Eucaristica presieduta da don Giuseppe Cafà ed alle 18.30, un’altra messa, sarà celebrata dal parroco don Massimo Ingegnoso.

Stasera alle 17 inoltre, nella Cripta della Chiesa Madre, sarà aperta ai visitatori la mostra di un presepe artistico e monumentale e di altri scenari raffiguranti la natività, che hanno realizzato i fratelli Alberto ed Emilio Mongelli, esperti maestri presepisti, abili restauratori e cultori appassionati dell’arte sacra in genere e delle tradizioni religiose e popolari locali. Alberto Mongelli, è anche procuratore della Confraternita del «Santissimo Crocifisso», la più antica della città che ha sede presso la chiesa dell’Addolorata, mentre Emilio Mongelli, è abile a scolpire la pietra ed a cimentarsi in lavori di restauro di ambienti sacri e di suggestiva antichità.

Il presepe artistico e monumentale più grande in esposizione, i fratelli Alberto ed Emilio Mongelli, lo hanno realizzato in occasione del Natale del 1997, quando in seguito alla «Frana» del 12 ottobre che si verificò nello stesso anno, scattò in loro la molla emozionale di realizzare nel presepe scorci tipici della città, inclusa anche la chiesa Sante Croci, poi demolita perché gravemente danneggiata dall’evento calamitoso.

La mostra sarà visitabile nelle ore serali dalle 17 in poi fino al 6 gennaio. É anche visitabile in chiesa Madre, all’ingresso a sinistra, un altro presepe permanente artistico che nel 2013 i fratelli Alberto ed Emilio hanno realizzato all’interno di una teca.

Last modified on Giovedì, 13 Dicembre 2018 10:08
Alberto Drago

Giornalista pubblicista, niscemese doc, ha lavorato in varie redazioni locali e regionali, contribuendo negli anni Novanta alla nascita di Antenna Sud. Impegnato nel volontariato con l’associazione nazionale Carabinieri. Collabora con il quotidiano La Sicilia. Ha fondato e diretto il periodico “L’Appunto”.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.